LUNEDI’ 8 MARZO 2017, 19,30

Kultur und Kongresszentrum – Lucerna (Svizzera)

La pianista Imogen Cooper e il clarinettista Fabrizio Meloni si uniscono alla Human Rights Orchestra e al direttore Alessio Allegrini per la realizzazione di un concerto di beneficienza al KKL di Lucerna, in Svizzera, a sostegno delle organizzazioni umanitarie SOFEDAPI e EQUIPO NIZKOR.

The Program
Riccardo Panfili                         "Per ognuno di noi..." (Prima esecuzione mondiale)
Wolfgang Amadeus Mozart      Piano Concerto No.25 in C major, KV 503                                                       
*************
Arvo Pärt                                    Cantus in Memoriam Benjamin Britten  
Felix Mendelssohn                    Sinfonia n. 3 in La minore, Op. 56, “Scozzese

SOFEPADI, che ha sede nella Repubblica Democratica del Congo, promuove e difende i diritti di donne e famiglie. Si prende cura di donne e ragazze sopravvissute alla violenza sessuale fornendo assistenza medica e psicologica, assistenza legale, reinserimento scolastico, istruzione socioeconomica e counseling. L’organizzazione è fortemente impegnata in diverse cause a livello nazionale e mondiale, fra le quali la Campagna Internazionale ‘Stop the Rape in Conflict’ promossa dalla Nobel Women’s Initiative.

EQUIPO NIZKOR Persegue l’impunità e le sue dannose conseguenze sulla società. L’impunità genera infatti corruzione e sovverte la morale e le basi etiche di una società civile. Il nostro concerto è andato a sostegno della loro rappresentanza in Bolivia dei diritti indigeni dell’Assemblea del Popolo Guarani di Ikita Guasu.

 Il Professor Peter Kirchschlaeger; il fondatore e direttore di EQUIPO NIZKOR Gregorio Dionis; Sandrine Lusamba, direttore delle Comunicazioni e della Raccolta Fondi di SOFEPADI.

Il Professor Peter Kirchschlaeger; il fondatore e direttore di EQUIPO NIZKOR Gregorio Dionis; Sandrine Lusamba, direttore delle Comunicazioni e della Raccolta Fondi di SOFEPADI.

I NOSTRI SOLISTI OSPITI

 IMOGEN COOPER, pianoforte

IMOGEN COOPER, pianoforte

 FABRIZIO MELONI, clarinetto

FABRIZIO MELONI, clarinetto

"Per ognuno di noi..."

Partitura per clarinetto, percussioni e archi

Commissionata da MUSICIANS FOR HUMAN RIGHTS per la Human Rights Orchestra, “Per ognuno di noi…” di Riccardo Panfili è ispirata da una poesia di Franco Fortini scritta nel 1955 e intitolata “Complicità”. Si tratta di una riflessione sulla responsabilità di noi tutti per la condizione del mondo e per la sofferenza di molti esseri umani, su una tragedia e una disgrazia che Panfili descrive come “… generazioni di minoranze senza nome escluse dai privilegi della storia”.  

COMPLICITA’

Franco Fortini  (1955)

In una nota a questa poesia Fortini scrisse: “Comunicato stampa: nella Ruhr, un certo numero di lavoratori di ritorno dai campi di concentramento nazisti provarono a rimuovere i numeri tatuati sulle loro braccia in modo da non essere identificati sul proprio posto di lavoro come attivisti della Resistenza o antifascisti.”

Per ognuno di noi che dimentica

c’è un operaio della Ruhr che cancella

lentamente se stesso e le cifre

che gli incisero sul braccio

i suoi signori e nostri.

 

Per ognuno di noi che rinuncia

un minatore delle Asturie dovrà credere

a una seta di viola e d’argento

e una donna d’Algeri sognerà

d’essere vile e felice.

 

Per ognuno di noi che acconsente

vive un ragazzo triste che ancora non sa

quanto odierà di esistere.

 Il Clarinettista Fabrizio Meloni nell’esecuzione di “Per ognuno di noi…”

Il Clarinettista Fabrizio Meloni nell’esecuzione di “Per ognuno di noi…”

Sponsor del Concerto: Assicurazioni CONCORDIA, Svizzera